Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nel giugno del 2018 ho fatto un viaggio in camper a Civita di Bagnoregio con un amico. Un'viaggio in camper in Italia.

Abbiamo viaggiato a bordo di un Mercedes Viano camperizzato da Westfalia.

Abbiamo scelto Civita di Bagnoregio poiché non sapevamo dove andare per il ponte del 2 giugno, e questo piccolo paese arroccato su un altopiano è una perfetta destinazione, non troppo distante da casa.

GIORNO 1 - 02/06/2018

Ore 09:00

Partenza da Casciana Terme. Abbiamo percorso la strada statale 206 andando verso sud in direzione Grosseto.

Ore 10:28

Arrivati in prossimità di San Vincenzo, ci siamo fermati in Autogrill per fare colazione e per far sgranchire le gambe al mio cane, Amelia.

Ore 15:22

Dopo esserci soffermati a pranzo lungo la strada, siamo giunti a Saturnia per fare il bagno alle terme a cielo aperto.

Il parcheggio alle terme di Saturnia è ampio e consente ai turisti di posteggiare gratuitamente, ma per via del limite di altezza, i camper non hanno modo accedere. Per fortuna il Viano, non essendo mansardato ma essendo ricavato da un furgone, è un camper piuttosto basso; questo ci ha consentito di accedere al parcheggio senza problemi.

Ore 23:29

Abbiamo passato praticamente tutto il giorno nell'acqua calda, facendo fare il bagno anche ad Amelia.

Ci siamo rimessi in cammino pensando di andare a pernottare sulla riva del lago di Bolsena.

Lungo la strada ci siamo soffertati a fotografare la vista notturna di Pitigliano, antico paesino in provincia di Grosseto, noto come la piccola Gerusalemme per la presenza di una comunità ebraica.

GIORNO 2 - 03/06/2018

Ore 00:23

Siamo arrivati sulla riva del lago di Bolsena. Abbiamo trovato un parcheggio per auto abbastanza silenzioso e tranquillo. Essendo un parcheggio a pagamento, abbiamo dovuto fare il ticket fino alla mattina alle ore 11, ora in cui avevamo programmato di togliere le tende.

Ore 10:21

Svegliati riposati dopo una notte tranquilla, siamo andati in un bar per fare colazione.

Ore 10:32

Di nuovo sul camper in direzione Bagnoregio, abbiamo salutato il lago di Bolsena e la freschezza mattutina, sapendo che nel pomeriggio avremmo rimpianto la brezza per via del sole cocente.

Ore 11:21

Arrivati a Bagnoregio, abbiamo parcheggiato in un parcheggio per auto che di nuovo abbiamo dovuto pagare. In un piccolo supermercato, abbiamo fatto rifornimento di viveri e bevande per la giornata.

Ore 11:58

Ci siamo diretti a piedi in direzione di Civita di Bagnoregio e, dopo circa un chilometro percorso, abbiamo iniziato ad intravedere il piccolo paese di tufo, arroccato sul suo altopiano roccioso.

Questo piccolo borgo è vecchio di circa 2500 anni. Fondato dagli Etruschi, è chiamato "il paese che muore" per via dell'elevata erosione, attuata dal tempo, sul basamento in tufo su cui gli edifici sono arroccati.

Ore 12:11

L'accesso al paese prevede il pagamento del biglietto di ingresso a Civita di Bagnoregio, che nei festivi ammonta a € 5.

Una volta in possesso dei ticket, ci siamo incamminati lungo il ponte di Bagnoregio, un ponte in salita che permette di raggiungere l'altopiano di Civita di Bagnoregio. Il ponte pedonale si inerpica attraverso la vallata tendendo a copiare la curvatura dell'altopiano di Civita.

Oltrepassato il ponte, accaldati per colpa del sole, abbiamo iniziato a perderci nel dedalo creato dalle piccole stradine del paese, potendo constatare che tutti gli edifici sono eretti in pietra di tufo o scavati nello stesso.

La vista panoramica è tipica dell'Italia centrale. Nel terrotorio argilloso che forma i nudi calanchi, quasi spogli di flora, si possono scorgere molti borghi all'orizzonte che, illuminati dal sole, brillano di un meravigliosa tonalità dorata.

Ore 15:38

Completata la nostra visita a Civita di Bagnoregio, siamo tornati al camper per iniziare il breve viaggio di rientro.